Prima dell’incarico:

  • Prevedere due interpreti se la durata dell’evento supera i 60 minuti, 
  • Prevedere un briefing tecnico per prendere confidenza con la piattaforma utilizzata (qualora non ne fosse noto il funzionamento)
  • Chiarire che l’interprete è esente da ogni responsabilità per problemi tecnici legati alla trasmissione di suono e immagini durante l’evento
  • Non superare le 4 (quattro) ore al giorno di simultanea da remoto
  • Svolgere l’incarico presso la sede del committente (organizzatore) o presso un hub, prevedendo l’assistenza tecnica, là dove possibile
  • Se si lavora da casa, optare per il collegamento ethernet e la connessione via fibra, preferibile al Wi-fi
  • Stabilire un onorario equo e non inferiore a quello che si richiede in presenza: non è prevista l’applicazione di cosiddette “tariffe orarie”
  • Nel caso di registrazione dell’evento (se non per uso interno) prevedere la sottoscrizione di una liberatoria e applicare supplemento pari almeno al 20%del preventivo totale
  • Concordare con il committente la disponibilità, nella misura più ampia possibile, di materiale relativo agli interventi previsti, compresi eventuali video presentati. L’interprete non è tenuto/a a tradurre il video qualora questo non sia stato precedentemente fornito
  • Comunicare al committente che molte delle piattaforme non prevedono il relay (spiegandone eventualmente il funzionamento) e quali conseguenze comporta per il servizio, considerando che si tratta di una realtà molto dinamica (solo recentemente Zoom ha introdotto questa funzionalità, che comunque non permette di monitorare a dovere quanto detto sul floor).

RICEZIONE DEL SUONO

  • Garantire la qualità audio: necessità di riproduzione delle frequenze comprese tra 125 e 12500 Hz 
  • Cuffie: da prediligere cuffie di alta qualità collegate al pc via USB, non Bluetooth
  • Chiudere tutti i programmi non necessari per non sovraccaricare la connessione
  • Accertarsi di mantenere l’audio di input il più basso possibile per salvaguardare l’udito e per non dover alzare la voce durante l’interpretazione

PRODUZIONE DEL SUONO

  • Utilizzare un microfono integrato alle cuffie oppure a condensatore, collegato via USB, non Bluetooth
  • Optare eventualmente per l’utilizzo di paravento fonoassorbente
  • Accertarsi sempre di essere sintonizzati sul canale corrispondente alla lingua verso cui si interpreta
  • Accertarsi di tenere sempre il microfono spento quando non si sta interpretando
  • Accertarsi di lavorare in un ambiente più silenzioso possibile
  • Accertarsi di disattivare le notifiche da programmi e applicazioni installati sul dispositivo con cui si sta lavorando (Whatsapp, posta elettronica, Slack, etc.)

VIDEO

  • Verificare che la qualità della connessione (sia lato interprete, sia lato organizzatore) consenta la visione di eventuali slide condivise dai relatori 
  • Se non diversamente concordato con il committente, spegnere la videocamera
  • Se non diversamente concordato con il committente, rinominarsi come “interprete”, riportando la combinazione linguistica svolta

COMUNICAZIONE CON COLLEGHI

  • Accordarsi con il/la collega per decidere i turni di lavoro e alternarsi nell’interpretazione, dal momento che non tutte le piattaforme dispongono di un meccanismo di handover. 
  • Utilizzare eventualmente un dispositivo alternativo a quello con cui si sta lavorando, per tenersi in contatto tramite chiamata o videochiamata (Skype, Whatsapp, etc.).
  • Ricordare che normalmente quanto scritto sulle chat delle varie piattaforme/software, benché indirizzato esclusivamente al/la collega, rimane comunque nei log tecnici e potrebbe essere visualizzato dall’organizzatore dell’evento.